Chi siamo e cosa facciamo

Il gruppo artistico amatoriale Laboratorio Folk Brescia, diretto da Laura Galli, è attivo dal 2013, proponendo lo studio e la ricerca della musica e danza popolare tradizionale con particolare interesse per l'area Balcanica e dell'Est Europa.

Organizza regolarmente a Brescia laboratori annuali di danza folkloristica, stage e collaborazioni con altri gruppi e associazioni presenti sul territorio, partecipa a eventi pubblici e privati e propone spettacoli, con l'intento di diffondere, valorizzare e tenere viva la tradizione.

Ha partecipato a numerosi festival folkloristici quali, ad esempio la serata dedicata alla musica Bulgara nel circuito EtnoTracce in Franciacorta, al Festival Interculturale di Riva del Garda, alla Primavera Bulgara a Milano e alla Festa della Musica di Brescia (edizioni 2017, 2018, 2019, 2022 e 2023).

Ha partecipato inoltre a varie edizioni di Arte in Movimento: un evento culturale organizzato dalla Lega degli Scrittori e Artisti Albanesi in Italia.

Di particolare interesse per le coreografie presentate con costumi tradizionali, lo spettacolo di musica e danza intitolato Concerto dei Balcani , andato in scena presso il Teatro Santa Giulia di Brescia, in collaborazione col gruppo Folk Atelier Reggio Emilia.

Si balla a qualsiasi età

Nel ballo folk l'età non conta, tutti possono imparare

Si balla ovunque

I balli si possono fare sia al chiuso sia all'aperto

Costumi tradizionali

I costumi sono parte delle coreografie e della tradizione.

Balli facili e un po' meno!

Tanti passi di ballo semplici e alcuni più complessi

Coreografie di gruppo

Nei balli popolari si danza in coppia e in gruppo

Nel 2020, in occasione della Giornata della Memoria, ha proposto uno spettacolo di musica e danza tradizionale Ebraica dal titolo Disperatamente Gioiosi , presentato al Teatro Sant'Afra in collaborazione con l'Associazione Culturale “Librellule” di Chiari e Casa della Memoria di Brescia.

Nel 2022 ha proposto un nuovo spettacolo teatrale nella giornata della memoria intitolato Porrajmos .

Presentato presso il teatro Idra di Brescia, sempre in collaborazione con la Associazione “Librellule“ di Chiari e con il patrocinio dell'Associazione Casa della Memoria di Brescia, ha voluto trattare una parte della storia spesso dimenticata.

Lo spettacolo è impostato come una sorta di processo in cui si ascoltano in ordine cronologico molte testimonianze sulle varie persecuzioni subite dal popolo Rom, dalla loro apparizione in Europa intorno al 1400, fino alle più recenti, operate dai nazifascisti ed in particolare sulla strage del 2 Agosto 1944.

Parallelamente, con una scenografia ambientata in un villaggio Rom, si è dato spazio alla cultura di questo popolo, molto spesso ignorata o misconosciuta, attraverso la narrazione di miti, leggende e danze eseguite su musiche dei diversi Paesi dell'area Balcanica ed Est Europea.

Per la parte narrativa, curata e dell'attore Andrea Bugatti, abbiamo preso spunto dai testi: - "FAVOLE E MITI DEGLI ZINGARI DEI BALCANI" di Giacomo Scotti - "MITI E LEGGENDE DEGLI ZINGARI" a cura di Erberto Petoia scegliendo alcune storie, anche umoristiche ed autoironiche, che spiegano le loro origini e sfatano alcuni luoghi comuni.

Per la parte danzata sono state eseguite coreografie di Laura Galli e Milena Dzibriska.
I paesi di origine delle danze presentate sono: Spagna, Serbia, Bulgaria, Romania, Ungheria, Polonia e Russia. La regia è stata curata da Santo Gaffurini.